19 Antefatti – Fuga! 1663

Jamestown, Virginia, giugno 1663
Il mese precedente aveva accompagnato il nonno a Jamestown e, fingendosi interessato ai cani da caccia del signor Briggs, Jerry aveva ascoltato le chiacchiere di quegli uomini che oziavano davanti al liquore. Dicevano che Sua Maestà Charles II aveva concesso, a un gruppo di otto proprietari terrieri, un’estesa zona di territorio più a sud, denominata Carolina. La lista di nomi comprendeva i personaggi più importanti e potenti della Virginia, e anche se gli Ashton non vi figuravano, Jerry era molto incuriosito dalla novità. Il nonno assentiva, forse disinteressato, ma a Jerry piaceva quel trambusto dovuto all’espansione dei territori. Ovviamente a Greenville e nelle piantagioni limitrofe non c’era quel trambusto, ma il signor Merrit, che era l’ultimo arrivato, ma sembrava sapere il fatto suo, diceva che per chi restava c’era la possibilità di espandere le proprietà e quadruplicare i guadagni. Qualcuno dissentiva, alzando la voce, forse invidiando quei fortunati che stavano armando navi per spostare la loro vita nei territori ricevuti dal re e colonizzare la nuova terra. Jeremy aveva dei progetti in testa, la notizia non fece che confermargli che era il tempo giusto per partire. Il ragazzo immaginava che suo padre si sarebbe unito ai mercanti in cerca di fortuna, così aveva pensato che, imbarcandosi su uno di questi mercantili, avrebbe potuto ritrovarlo! La settimana seguente aveva nuovamente accompagnato il nonno in città e, con una scusa, aveva trovato il modo per avventurarsi sui moli, in cerca dell’occasione giusta.  La Fortune era stata verniciata di fresco e accanto alla passerella stava un ufficiale in divisa, che registrava tutto ciò che i marinai stavano caricando. Trovando il coraggio, Jerry si era avvicinato: -Che vuoi ragazzo?-, era stato apostrofato dall’uomo. Senza pensarci sopra, Jeremy aveva dichiarato d’aver sedici anni (in realtà erano tredici ma lui era alto) e d’esser pronto a imbarcarsi, perché desiderava diventare marinaio. Per nulla impressionato, l’ufficiale lo aveva mandato alla taverna del Calderone, dove il capitano Holden beveva assieme alle guardie. A lui Jerry aveva ripetuto la sua richiesta d’ingaggio. Lo presero in giro, ma lui era ormai convinto a partire, e insistette nonostante lo scherno. Alla fine fu cacciato in malo modo: «Tornatene alla tua chiatta, terraiolo! Manco l’ultimo mozzo è più pivello di te!»
Un giovane marinaio fuori dalla taverna, però, lo aveva preso in disparte: «Tu te ne vuoi andare da casa, non è vero?», gli aveva chiesto. In verità Jerry stava benone a Greenville, ma ormai era una questione di puntiglio, così aveva annuito con decisione.
«Il capitano Beckwell parte tra una settimana, non appena lo scarcereranno. Ha bisogno di uomini per un viaggio fino all’Inghilterra, ma non ha soldi in contanti, quindi deve passare prima dalle isole, portare un carico alla Martinica e poi seguire la sua rotta. Se sei disposto a una paga da fame e il saldo una volta in Europa, sono certo che non ti dirà di no.», gli spiegò il ragazzo, mostrandogli una carta sulla quale appuntava i nomi di tutti i marinai assoldati. Gli mostrò persino la Quicksilver, ormeggiata poco distante, un mercantile a tre alberi, curato e dall’aspetto solido.
Jerry considerò la proposta e, quando un ragazzetto cencioso e più sveglio di lui mise la croce sulla carta che il marinaio gli porgeva, Hudson non si tirò indietro e, afferrata la penna d’oca, firmò in fretta, timoroso di perdere il posto.
Quando tornò alla piantagione, confidò a Joshua ciò che aveva fatto, e l’amico gli diede dello sciocco, dicendogli che a quelle condizioni avrebbe finito col pagare lui, il capitano che lo ingaggiava, ma Jerry non volle sentir ragioni e lo convinse ad accompagnarlo in città, il giorno della partenza.
Il giovedì, molto prima dell’alba, Jeremy Hudson si alzò. Aveva con sé del denaro, una borsa con un cambio d’abiti, un coltello a serramanico e poco altro. Doveva sbrigarsi prima che a Greenville si svegliassero i domestici e la cuoca, prima che una qualsiasi scusa lo trattenesse a casa, prima che la paura lo immobilizzasse. Lui doveva andare, la nave del capitano Beckwell partiva a mezzogiorno e lui doveva essere su quel mercantile!
Prima di uscire, avvolto nel buio, si era soffermato davanti alla porta della mamma, che ancora dormiva. Le aveva mandato un bacio, facendo poi scivolare sotto l’uscio la lettera di spiegazioni che le aveva scritto il giorno prima. Dal corridoio, udì il russare profondo di nonno Jeremy e lo sbuffare paziente della nonna e per un attimo il ragazzo accusò un dolore nel petto: era il senso di colpa e il timore di non rivederli più, ma il pensiero di ritrovare il papà era più forte.
Senza altri indugi uscì da casa e si diresse alle scuderie, dove Joshua lo aspettava con il cavallo già sellato. Si fronteggiarono quasi con astio. Jerry sapeva che l’amico era contrario a quella fuga e lui ne era infastidito, perché avrebbe voluto da lui tutto l’appoggio. I due ragazzi cavalcarono senza scambiarsi parola, entrambi persi nei propri pensieri e raggiunsero Jamestown senza accorgersene, ed era già giorno.
Una volta al porto, trovata la Quicksilver ormeggiata, Joshua scoppiò in lacrime come un bambino, stringendo le redini del cavallo come se potessero soffiarglielo da sotto il naso.
I marinai in attesa di imbarcarsi ridevano dei due bambocci e Jerry si sentì imbarazzato dalle lacrime di Joshua. A fatica se lo staccò dal braccio: «Vattene! Torna a casa!», gli intimò sistemando la borsa sulla spalla. Joshua tirò su col naso, cercando di asciugarsi gli occhi nella manica della camicia, riluttante eseguì l’ordine. Jerry finse di sospirare con sollievo, a beneficio dei presenti che li osservavano con scherno, ma dentro di sé aveva un nodo che dallo stomaco gli era salito fino in gola. Un nodo doloroso che gli impediva di deglutire.
Fingendo di annodare i legacci della borsa si volse indietro, facendo in tempo a vedere Joshua svanire fra la folla, solo la lucida groppa al cavallo s’intravedeva sopra le figure, poi girarono l’angolo e sparirono dalla sua visuale. Jerry si concentrò sul nodo, sperando che le lacrime non scivolassero dalle ciglia: “Arrivederci, amico mio…”, pensò, mentre il cuore gli batteva forte nel petto.

“Jamestown at 1650 ”
copyright by Keith Rocco -1997

Annunci

One thought on “19 Antefatti – Fuga! 1663

Dimmi quello che sai...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...