35 Antefatti – Acqua increspata, 1668

Molo di Fort de Rocher, Tortuga, 1668
Era l’imbrunire e Mathias Wilton rientrò dal suo giro, era stato da Connors quel pomeriggio a discutere di un bottino trafugato all’Olonese.
Il taverniere, Sean Mackenzie, stava servendo ai tavoli del cortile e, notandolo, lo interrogò brevemente: -Hai visto mia figlia?-
Mathias, ormai ospite fisso della cantina di Mackenzie, si guardò attorno con fastidio e sbuffò dentro di sé: nell’ultimo anno aveva fatto da bambinaia a un ragazzo sprovveduto e ora la storia si ripeteva con la figlia dell’oste, era davvero uno strano destino, quello del Tagliagole. Scrollò le spalle, spiegandogli che non la vedeva da qualche ora e attraversò il locale.
Sotto la tettoia dell’entrata anteriore erano seduti Stan l’Orbo e Larry Ward, due contrabbandieri di Capo Rojo che vivevano perennemente ubriachi. Li salutò con un cenno e scrutò il molo.
Il sole colorava di rosa il cielo, la marea era salita e, a parte qualche piccolo accattone a frugare fra il ciarpame e i rifiuti, la banchina era deserta, nessuna nave aveva attraccato nelle ultime ore, Connors e il suo tesoro erano al sicuro.
Non seppe, Mathias, se fu lo sguardo malandrino di Stan o l’incresparsi dell’acqua scura accanto alle casse ad attirare la sua attenzione. Gli occhi inquieti di Larry percorsero la cima che attraversava la passerella e il Tagliagole sentì un tuffo al cuore.
Nonostante la gamba dolente si slanciò verso l’attracco, agguantò la cima e il peso fu inequivocabile. Gridando si piegò sul ginocchio, incurante del dolore lancinante dell’articolazione e tuffando gli avambracci afferrò e trasse fuori dall’acqua la bambina.
Blanquita era livida, gli occhi sbarrati di spavento, e aprì la bocca per catturare rumorosamente l’aria, mentre Mathias Wilton la metteva in salvo. Le avevano intrappolato le spalle con la cima e, a giudicare dai rantoli della piccola, non avrebbe resistito a lungo sott’acqua e impossibilitata a nuotare.
Mentre scioglieva il nodo, Stan si era già messo in fuga, rovesciando la sedia nella sabbia, Mathias lanciò un grido di avvertimento, ascoltando la giustificazione di Larry Ward: -Era solo uno scherzo!-
Con le treccine impiombate e la veste attaccata alle gambe, Blanca batteva i denti in preda al gelo, stringendosi nelle braccia, scossa da tremendi brividi.
Dopo averle battuto sulla schiena perché sputasse l’acqua salmastra, Mathias si levò la giacca e la avvolse in quella, rispondendo a Ward con voce fin troppo alterata: -Scherzo? Non si tratta di un gatto, per la miseria, è una bambina!-
-Beh, gli irlandesi son sempre troppi!- replicò Stan tornando sui propri passi, quasi per difendere l’amico.
Nel frattempo qualcuno uscì dalla taverna per osservare la scena, un bambino si chinò accanto a Blanca, porgendole la mano. Era Charlie, quello dell’emporio.
La piccola riuscì a mettersi in piedi, probabilmente era rimasta sotto solamente pochi istanti, e pur stringendosi nella giacca, si volse per ringraziarlo. Il Tagliagole si rimise in piedi, facendole un gesto d’incuranza, e fissò i due ubriachi ormai accerchiati.
Slanciandosi avanti, Larry urlò: -Lei lo sa che era un gioco, vero Streghina?- ma in quell’istante comparve Sean Mackenzie con l’aria più nera che si potesse immaginare.
Stan l’Orbo si voltò a guardarlo e il taverniere non disse una parola, ma calò la bottiglia sul capo del malcapitato contrabbandiere.
Al rumore di vetri infranti, il molo si riempì di gente e in un attimo scoppiò il finimondo. Mathias Wilton mandò la bambina in casa, quindi rimboccò le maniche e si gettò nella mischia.
Più tardi, quand’era notte, mentre Blanca dormiva placidamente nel suo lettino, dopo che la donna dell’irlandese ebbe spazzato il pavimento della taverna devastata nella rissa e medicato le loro ferite, Mathias e Sean, presero una sbronza colossale, osservando in silenzio il riflesso della luna che danzava fra le onde, scintillante come argento, prezioso più dell’oro.


foto dal web

Annunci

One thought on “35 Antefatti – Acqua increspata, 1668

  1. Bello bellissimo questo post con il tentativo di annegamento di Bianca. A volte mi chiedo se mi piace perché è scritto bene oppure per la forma originale col quale è scritto.

Dimmi quello che sai...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...