3 – Fog

«Finalmente ti trovo, Giulia! Sono tornato l’altro ieri!», disse Stefano entrando nel bar di via dell’Orso.
La modella istintivamente afferrò la borsa, come se la voluminosa sacca di cuoio potesse davvero schermarla : «Ciao! Mi devi pagare lo stesso, avevamo un appuntamento a causa tua ma non c’eri, e ringrazia che non ti addebito il resto delle sedute pattuite!»
Il ragazzo non si trattenne dall’abbracciarla, sorridendole con dolcezza: «Ti cercavo proprio per questo! Quando puoi venire allo studio?»
Lei lo spinse via col gomito e soppesò le parole, raccogliendo il foulard: «Ho un altro impegno, io devo lavorare, non aspettare te! Tra meno di un quarto d’ora ho due sedute di posa in Accademia, devo andare!»
Stefano le scostò i capelli dal viso: «Mi sei mancata. Molto!»
«Sei un ruffiano! Sai come dire le cose, non c’è dubbio, ma non credo a nessuna delle tue parole, sono vuote, prive di sentimento. Tu dai aria alla bocca!», rispose Giulia mostrando tutto il proprio risentimento.
Due ragazze al tavolino accanto ridacchiarono, squadrandolo con ironia.
Stefano si volse verso di loro: «Dice così ma mi ama!»
Giulia stava già abbottonando la giacca di lana: «Ragazze, diffidate di questo scemo!»
«Hey attenta alle parole, amore!», le disse ridendo, ma Giulia era serissima: «Più tardi passo da te, prepara i soldi che mi devi!»
«Tornerai a posare per me?»
«No!», disse lasciandolo solo al tavolino.
Stefano sbuffò, poi guardò le due studentesse: «Voi aiutereste un povero pittore?», ma scossero il capo, continuando a ridere. Le ignorò, ordinando un cappuccino, e si mise a leggere il giornale.
Mentre seguiva la vicenda della turista che aveva cercato di gettarsi nel Naviglio Grande, sentì scattare la porta del locale e delle voci famigliari esclamare: «Eccolo qua!»
Erano Claudio e Marcello e si sedettero assieme a lui che, rassegnato, chiuse il quotidiano: «Ciao!», mormorò.
Erano stati suoi compagni di banco al liceo e si erano diplomati tutti assieme ma i due continuavano a bazzicare l’ambiente delle nuove avanguardie, tentando la via dell’Arte, intellettualoidi ed eterni studenti. Stefano li vedeva spesso ma ultimamente i loro discorsi lo infastidivano.
«Come va? Abbiamo trovato Luna in Braidense, ha detto che eri tornato, eravamo in tua ricerca!»
«Certo, come no! Sto bene. Qualcuno di voi potrebbe posare a seno nudo per me?», disse annoiato.
«Hai l’aria abbattuta… Ancora a scoparti quella vecchia?», lo canzonò Marcello.
Stefano sbuffò: «Grazie a Gabriella questa estate ho esposto in un paio di gallerie. Piccole, sconosciute e di paese, ma pur sempre Gallerie d’Arte. Le devo molto, quindi continuerò a darle quel che cerca.»
«Bella roba, quella che fai, e parlo in tutti i sensi. Prostituta! Meretrice!», riprese Claudio, attirando l’attenzione delle solite due studentesse. Stefano sorrise loro nel modo più subdolo, invitandole a voltarsi dall’altra parte, mentre Marcello portava indietro i capelli con fare teatrale.
«Tu inzaccheri tele, Sté. Devi tornare dal Prof!», continuò Claudio aprendo un sacchetto di patatine.
Stefano bevve il suo cappuccino e Marcello sedette con il caffè preso dal bancone: «Quello che fai è vergognoso, per uno come te, davvero. Pensi a poche migliaia di lire e accantoni la possibilità di diventare qualcuno, di farti un nome, di esporre le tue opere!»
«Tzè, quando sarete milionari, verrò a chiedervi la carità. Meglio le mie croste, non ottime ma certo di mercato, che i vostri sogni di gloria da alimentare farneticando! L’Arte è niente, ragazzi, una bolla d’aria! Sono anni che aspettate! Dovete tornare con i piedi per terra. La pancia brontola, datevi da fare! Quali opere, Marcel? Sono anni che non dipingo qualcosa per me.»
«Tu bestemmi, non sei in te. Sei un idiota!», lo rimproverò l’amico.
«Lo so, e me ne vanto!», disse Stefano andando a pagare: «Sarò magnanimo, pago io, con i soldi di Gabriella!», disse con livore, ma beffeggiandoli, prima di uscire in strada. Era stanco di quele chiacchiere, alla lunga diventavano odiosi, voleva andare a casa, dormire e dimenticare tutto e tutti.


World’s translator

Annunci

16 thoughts on “3 – Fog

  1. Ti sbagli invece!!! E’ tutto il giorno che sono entusiasta, perchè pensavo di iscrivermi ad un corso di scrittura creativa, da frequentare per capirci qualcosa (diciamo che sono una che guida l’auto ma non conosce la meccanica), e vagabondando trovo te e le risposte che cercavo, e a distanza di un clic!
    Se non è fortuna questa! 😀

  2. Devo aver perso una puntata! Ma questo perché il tuo blog è strano o forse io imbranata. Comunque volevo dirti questo: MA QUALI CORSI DI SCRITTURA CREATIVA! Tenuti da scrittori falliti! Ciò che conta è saper scrivere, Blanquita; è un dono innato, e tu lo possiedi.
    Ora vado in cerca del capitolo fantasma 😛

  3. Troppo buona, amica mia! I complimenti sono ben accetti, sei nell’ambiente da tempo e se lo dici tu, sarà vero! Io però desidero qualche dritta per migliorare! Grazie! 🙂
    Post fantasma? Se guardi a sinistra ci sono delle virgolette bianche, ti aiuteranno a raggiungere il capitolo precedente!

  4. No. Non sono buona. Migliorare è indispensabile, fondamentale; ma non si migliora con i corsi di scrittura creativa. Sono andata a leggere Briciola – che frequento da sempre – e approvo tutto ciò che ha scritto. Leggere, leggere! E impegnarsi a fondo. Le cose non nascono per caso. Certo, occorre una piccola predisposizione… ma poi sono necessari impegno, sudore, rabbia, fatica. Altrimenti si rimane nel limbo di tanti che vorrebbero ma non possono (non vogliono).
    Non è il tuo caso, credimi.
    Detto da una che corregge una parola alle due di notte.

  5. Ecco una puntata energica, intensa che mi è piaciuta. Stefano mi è simpatico. Concreto e realista affronta il mondo esterno con molto pragmatismo a differenza degli amici. Giulia è una sfinge ancora da inquadrare completamente. Luna mi sembra più simpatica. Però nel complesso stia scoprendo a poco a poco i vari personaggi che andranno a comporre il quadro d’insieme.
    Un abbraccio

  6. Comincio a entrare nel racconto carissima
    anche se questa mattina ho faticato molto
    non riuscivo a scrivere, ossia il server credo
    non mi permetteva..
    ma ci sono e ti seguo!
    Un abbraccio
    Michelle

  7. piu che ti leggo e piu che mi spaventi…
    perchè sei veramente brava..ma non solo .. riesci a farmi sentire vicina alle tue corde interne in modo molto potente.
    In altre parole ti trovo adorabile.

Dimmi quello che sai...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...