Italo Calvino

La Camicia dell’Uomo Contento.

Un Re aveva un figlio unico e gli voleva bene come alla luce dei suoi occhi. Ma questo Principe era sempre scontento. Passava giornate intere affacciato al balcone, a guardare lontano. “Ma cosa ti manca? Che cos’hai?” gli chiedeva il Re.
“Non lo so, padre mio, non lo so neanch’io.”
E il Re a riprovare tutti i modi per distrarlo: teatri, balli, musiche, canti; ma nulla serviva. Il Re mise fuori un editto, e da tutte le parti del mondo venne la gente più istruita: filosofi, dottori e professori.
“Maestà, abbiamo pensato, abbiamo letto le stelle; ecco cosa dovete fare. Cercate un uomo che sia contento, ma contento in tutto e per tutto, e cambiate la camicia di vostro figlio con la sua.”

Quel giorno stesso, il Re mandò gli ambasciatori per tutto il mondo a cercare l’uomo contento. Gli fu condotto un prete:“Sei contento?” gli domandò il Re.
“Io sì, Maestà!”
“Bene. Ci avresti piacere a diventare il mio vescovo?”
“Oh, magari, Maestà!”
“Va’ via! Fuori di qua! Cerco un uomo felice e contento del suo stato; non uno che voglia star meglio di com’è.”

E il Re prese ad aspettare un altro.

C’era un altro Re suo vicino, gli dissero, che era proprio felice e contento: aveva una moglie bella e buona, un mucchio di figli, aveva vinto tutti i nemici in guerra, e il paese stava in pace. Subito, il Re pieno di speranza mandò gli ambasciatori a chiedergli la camicia.
Il Re vicino ricevette gli ambasciatori: “Sì, non mi manca nulla, peccato però che quando si hanno tante cose, poi si debba morire e lasciare tutto! Con questo pensiero, soffro tanto che non dormo alla notte!”
E gli ambasciatori pensarono bene di tornarsene indietro.

Per sfogare la sua disperazione, il Re andò a caccia. Tirò a una lepre e credeva d’averla presa, ma la lepre, zoppicando, scappò via. Il Re le tenne dietro, e s’allontanò dal seguito.
In mezzo ai campi, sentì una voce d’uomo che cantava la falulella.
Il Re si fermò:“Chi canta cosi non può che essere contento!”
E seguendo il canto s’infilò in una vigna, e tra i filari vide un giovane che cantava potando le viti.

“Buondì, Maestà!” , disse quel giovane.
“Benedetto, vuoi che ti porti con me alla capitale? Sarai mio amico.”
“Ahi, Maestà, no, non ci penso nemmeno, grazie. Non mi cambierei neanche col Papa.”
“Ma perché, tu, un cosi bel giovane…”
“Ma no, vi dico. Sono contento così e basta.”
Finalmente un uomo felice! pensò il Re: “Giovane, senti: devi farmi un piacere.”
“Se posso, con tutto il cuore, Maestà.”
“Aspetta un momento.”

E il Re, che non stava più nella pelle dalla contentezza, corse a cercare il suo seguito:
“Venite! Venite! Mio figlio è salvo!” E li porta da quel giovane.
“Benedetto giovane, ti darò tutto quel che vuoi! Ma dammi, dammi…”
“Che cosa, Maestà?”
“Mio figlio sta per morire! Solo tu lo puoi salvare. Vieni qua, aspetta!”

E lo afferra, comincia a sbottonargli la giacca.

D’un tratto si ferma,

gli cascano le braccia.

L’uomo contento

non aveva camicia.

(fiaba friulana)
Italo Calvino da Fiabe Italiane

Annunci

9 thoughts on “Italo Calvino

  1. Calvino è uno dei miei autori preferiti e le sue fiabe italiane le ho lette più volte.
    Questa la ricordavo, come tutte le altre del resto, e la trovo bella nella sua semplicità, come il giovane che era contento ,ma senza camicia.
    Un grande abbraccio.

    Tutto bene? E’ tempo che non ti sento e no leggo nulla.
    Per caffè letterario di luglio avevo pensato per la data del 28. Ci sei o passi la mano?

  2. Grazie, amico mio, dell’interessamento. Sto bene, sono solamente indaffarata, di conseguenza non riesco a scrivere come vorrei.
    per Caffè Letterario segnami pure: sono certa di riuscire a sbrogliare tutti i miei impegni! 🙂
    e di recuperare gli arretrati de il Borgo,
    che seguo via telefono.

    buona serata!

  3. Che Meraviglia questa immagine dai riflessi caldi, estivi, adoro il grano e le margherite, immagino La collina.. e che meraviglia questo racconto! Si potesse avere *quella* camicia, o forse farei bene a dire, quel cuore… Sei sempre Respiro mia cara! E due in una sola sera, il tre domani:-)

    RESPIRO (e’ scattata la mezzanotte;-)

  4. Le fiabe sono sempre un ottimo insegnamento. E questa tra le altre, che non conoscevo, non fa eccezione.
    Un sorriso per una serena continuazione.
    ^____^

  5. visto che son iniziate le vacanze, penso che te ne servirebbe una, abbastanza lunga, su qualche isola frequentata da pirati, tutti belli e fisicamente dotati, in caso di impedimenti contingenti magari solo con la mente e dare sfogo, nutrimento e vigore alle tue fantasie
    (il vantaggio di avere un consulente porno)

  6. Calvino trova sempre un nuovo modo per stupirmi. Il mio autore preferito su un blog appena scoperto e che credo proprio comincerò ad apprezzare. Complimenti! 🙂

Dimmi quello che sai...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...