Il tempo del rimpianto

rimpianto

Lo facevo per me di guardarti passare, attraversando lo sguardo che lanciavi al mondo. Non facevo nemmeno da filtro, io vetrino opaco che non offendeva il tuo occhio né lo attirava con un luccichio.
io come vetro sabbiato, muto e segreto.Mi attraversavi e per me era come fare l’amore, e nemmeno lo sapevi.
E stavo ad aspettare, ogni mattina, di vederti da lontano. Un puntino che s’ingrandiva, per la via, vestito di chiaro, giovane e bello, libero e Dio delle mie innocenti speranze.
Mi bastava la tua ombra per rasserenarmi. Mi bastava per cambiare il corso della giornata. Se c’eri, io c’ero.
Esistevo, anche se non mi vedevi, anche se mi perdevo nel grigiore.
Identità separate, rette parallele che mi ostinavo a voler fare incrociare, ma che intimamente sapevo divise. La mia illusione da cullare.
Poi la Nostra Primavera, con il verde tenero dei tuoi occhi al sole, color di prato e di acquamarina, specchi magici per la mia caduta.Quando la siepe che da mesi ci separava inspiegabilmente si è aperta un varco, per permetterti di vedermi, io credetti nell’Infinito. Io e te, in quel modo astruso, in quel mondo astruso.
Io e te col nero dei nostri capelli lunghi – non tagliarli mai e non cambiare – io con la sciarpa variopinta, tu col grigio del fumo, io sporca di colori e tu con il rosso della brace accesa.
Bevevo il tuo viso di un gusto estraneo, riempivo gli occhi delle tue gambe goffe e studiavo in segreto le mani magre.
E scoprirti in ogni sfumatura, vederti da vicino e imparare a non boccheggiare – chissà se ho mai respirato, in tua presenza – mentre mi accompagnavi lungo le tue strade, mi aprivi porte nuove, mi proteggevi da ogni male. E nulla di più che questa immensità tra noi.
Tu cauto, stupidamente cauto. Tu e la tua gentilezza, più dolorosa dell’indifferenza che mi attendevo. Tu e il tuo sguardo pacato, a calmare la furia della mia giovane fronte aggrovigliata di pensieri. Le tue parole calme, le tue frasi scritte, la musica e le canzoni che m’insegnavano la mia stessa vita e quello che sono divenuta.
Violentavi la mia anima e non facevi male.
Risvegliandomi. Dandomi una ragione, indicandomi la via. Nemmeno una bussola, ci serviva.
Tu eri il mio tutto ma nel tempo sbagliato. Tu correvi ed io avevo gambe troppo corte e temevi che mi stancassi – o ti rallentassi, chissà – e ti ho lasciato andare.
Desideravo scottarmi del tuo sole, io l’eclissi che desideravi. Verrà quel tempo, abbiamo pensato allora.
Me lo chiedo ancora adesso, quando ti vedo passare, se lo ricordi mai. Se hai un rimpianto.
Il tempo ha gravato su di te, ha gettato acqua sul fuoco dei tuoi sogni, lasciandomi falce di luna affilata, attorniata di stelle che non merito. Al buio di quel sole che diceva di non meritarmi.
Ti leggo, non potendoti parlare, e ritrovo negli scritti quel che eri. Sempre tu ma maledettamente solo.
È tardi per dirti che hai sbagliato.

Quanto male mi hai evitato?
Quanto bene hai perso?

CODICE WORLd’s traslator con Emily


World’s translator

Annunci

12 thoughts on “Il tempo del rimpianto

  1. Ben tornata dopo tanto silenzio.
    Tornata con un post doloroso, che odora di amore e di abbandono.
    La tua solita bravura nello scrivere, nell’esprimere in pochi tratti il tuo pensiero.
    Che dire? Ti aspettiamo di leggerti ancora.
    Un grande abbraccio affettuoso

  2. una capatina dopo mesi di oblio, caro amico.
    Sei sempre attento, tempestivo e preciso nei tuoi commenti e ogni volta il tuo bentornato mi rende felice.

    Stai bene? Mi auguro che sia così.
    Seguo sempre i tuoi post, li leggo via mail, quindi so che la tua vena letteraria non ti abbandona. Sei inarrestabile! 🙂

    io non ho tanta costanza e scrivo sempre meno, anche a causa del poco tempo che mi rimane a fine giornata… sono pigrona!

    un abbraccio che contraccambio con sincera simpatia

  3. Mi fa un enorme piacere leggerti e commentarti. Lo sai che, e non lo dico per piaggieria, il tuo modo di scrivere mi è congeniale. Spero che tu posso riprendere a scrivere con costanza.
    Quest’anno è stato difficile e non è ancora finita. Senza lo scrivere non so come avrei potuto superare tutto quello che è successo. Ma alla fine ci sono riuscito. Fisicamente sto bene adesso, anche se i primi mes dell’annoi sono stati duri.
    Un grande abbraccio affettuoso e spero di leggerti a breve.

  4. Non ne sapevo niente!
    Spero e mi auguro che tu possa riprenderti in fretta.
    e ti comprendo, anch’io completai il romanzo durante una grave malattia e scrivere fu salutare, oltre che un piacevole diversivo.
    Sono felice di sapere che hai superato la tempesta!
    a presto allora

  5. Credo che tu lo sappia. Quando ti leggo è come se entrassi nella camera degli specchi. Tante piccole cose anche se ovviamente fatti e personaggi divergono ci accomunano. Forse anche il modo di raccontare le nostre emozioni, quei sentimenti che ci albergano… la forza descrittiva ed immaginifica. Insomma “sorella” incontrata nell’isola circoscritta da oceani burrascosi ne abbiamo viste e vissute tante… e ancora sai quante ne dovremmo raccontare? Altrimenti scrivere cessa di navigare. ti lovvo pigrona bella. besos

  6. Benvenute le tue parole nei miei occhi. Intense, emozionanti, di una delicatezza sconcertante. Ho trovato il colore dell’acqua marina.

    Continuerò a leggerti. 🙂

  7. Grandi passioni, speranze, aspettative, voglia di vivere
    mi hai fatto anche risuonare Passenger nella mente

    (qualora tu aprissi un altro blogghettino meno impegnato ove poteressimo cazzeggiare più frequentemente non dimenticare di dirmelo)

  8. tesoro mio, questa è la colonna sonora ideale!
    io l’impegno non so dove sta di casa,
    quindi ti permetto di cazzeggiare qui,
    quando ti pare e piace.

    break on through
    to the other side! che le barricate sono solo apparenti.
    😀

Dimmi quello che sai...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...